Tavolino in bambù

Datemi la carica come a un giocattolo, fatemi cadere oltre il bordo del TAVOLINO da caffè dove il cielo si butta in mare – verso l’ultima fine indicibile.
Charles Bukowski

Quando ci troviamo davanti ad un oggetto elegante e ben realizzato, spesso ne apprezziamo la forma, l’originalità, il colore,  ma non sempre riconosciamo a primo sguardo il materiale con cui è fatto, soprattutto quando è di legno.

Vogliamo così introdurre in poche righe un materiale pregiato e resistente, soprannominato ‘acciaio vegetale’: il Bambù.

Il termine Bambù ha origine dalla lingua Malai “Mambu” e fu tradotto poi in inglese con il più noto nome di Bamboo; la sua introduzione in Italia è attribuita al botanico toscano Orazio Fenzi, e risale al 1884.

I bambù sono piante a portamento arbustivo, sempreverdi, molto vigorose; la loro altezza può variare da pochi centimetri fino a 40 metri ed il diametro può raggiungere i 30 cm. Lo spessore della parete della canna può arrivare anche i 2 cm: ecco perché vanta una resistenza a compressione doppia rispetto a quella del calcestruzzo. Variegata ed ampia è anche la gamma di forme e colori dei bambù: si possono incontrare bambù di colore giallo, nero, a strisce, rampicanti e persino spinosi.

Il genere Phyllostachys è sicuramente il più diffuso e conosciuto in Italia.

Richiedi informazioni su questo oggetto:
Se desideri acquistare o ricevere informazioni su questo oggetto compila il form in basso. Sarà nostra cura risponderti il prima possibile.

Hidden
Nome e Cognome*
Rimani aggiornato sulle novità
Consenso*